Un altro genere d’amore

4 Giugno 2016 | 0 commenti

di Cristiano Sardo

Non hanno  avuto  dubbi :  avrebbero  parlato dell’amore omosessuale.  Il concorso dell’UDI chiedeva di raccontare l’amore oltre gli stereotipi : l’amore omosessuale è stato il loro  campo di riflessione, di racconto. Sono i ragazzi del “Vaccarini” che ci parlano della loro esperienza: hanno costituito una troupe cinematografica, giovane, amatoriale e tanto appassionata, guidata da uno di loro, Michelangelo Zanghì, e seguita dalla professoressa Cettina Sabina. .

Letture, chiacchierate, interviste  a persone di ogni età, a ragazze e a ragazzi della scuola, hanno  sollevato un mucchio di dubbi e confermato una sola certezza: l’omosessualità nel 2016 è ancora “un mostro”. Siamo messi male, la caccia alle streghe non è finita ed è solo dissimulata. Tanti si dicono tolleranti, ma tremano solo a sentire parlare di  adozioni da parte dei gay. Tanti dicono che “può capitare” di scoprire che un amico è omosessuale  ma inghiottono amaro se chiedi “e se fosse suo figlio?”.

Strada facendo, i ragazzi  hanno capito che dovevano raccontare proprio questo retroterra oscuro , con la loro proposta finale ed il loro motto: l’amore è sempre diverso e  la differenza è valore!

Si sono così  avventurati verso la finale del premio Stereotipa  “Oltre gli  stereotipi: un altro genere di amore” : un progetto verticale che ha coinvolto   scuole di ogni ordine e grado- dalla primaria, alla scuola media , alle scuole superiori, alla scuola serale per gli adulti..

Insieme al video “Un altro amore” dei ragazzi del  “Vaccarini”, premiato con il primo premio ,  ci sono anche racconti, poesie, video e opere pittoriche , realizzate da  studenti ma anche da donne adulte . “Tutte le opere-  dice la professoressa Arena, coordinatrice del Concorso-   portano un segno forte,  talora doloroso,  del desiderio di ascolto e rispetto delle differenze. In tutte le opere due  segni chiari:  la  denuncia della violenza maschile sulle donne e  l’attenzione sull’omofobia e  sulle relazioni omosessuali , proponendo vie nuove per  relazioni ed identità libere”  .

E il bello non finisce qui: eccoci ai premi! Le donne dell’UDi  hanno raccolto attorno alla loro manifestazione il contributo di “associazioni amiche” e delle Istituzioni:    la  Società  Cinestudio ha regalato ai vincitori  biglietti per gli spettacoli del cinema King e dell’arena Argentina;     Allegra Puglisi Cosentino della Fondazione Puglisi Cosentino per l’arte ha offerto a  venti studenti la visita   alla     mostra “Breve storia del mondo” dell’artista Pietro Ruffo;  il Comune di Catania     premia con biglietti per    l’opera “La Sonnambula” al teatro Bellini  Insomma la cultura porta cultura!

Cristiano Sardo

borse2 questa qui questa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *