Liceo Archimede di Acireale, avvio con gli olimpionici della scherma

14 Settembre 2016 | 0 commenti

di Gianluca Reale

Si √® respirata aria di Olimpiadi al liceo Archimede di Acireale, da due anni anche liceo sportivo oltre che scientifico. Il 12 settembre, ad inaugurare¬†l’anno scolastico¬†2016/2017 sono¬†arrivati Daniele Garozzo (classe¬†1992, ora vive e si allena a Roma, medaglia d’oro nel fioretto maschile),¬†Enrico Garozzo (classe 1989, ora vive e si allena a Milano, medaglia d‚Äôargento nella spada a squadre) e Marco Fichera (classe 1993, anche lui argento con Enrico Garozzo nella spada a squadre). Tutti e tre gli olimpionici di Rio ex alunni del liceo Archimede.

Nell’aula magna i tre campioni olimpici di scherma hanno incontrato gli studenti e le studentesse delle prime classi fra¬†cui i giovani iscritti al Liceo Sportivo. Un breve incontro correlato alla fine da tante foto e selfie.¬†I tre atleti sono giunti puntuali poco dopo le 11, accompagnati da Sebastiano Manzoni. Non appena seduti hanno sorriso e salutato scoprendo nelle prime¬†file alcuni dei loro ex docenti.¬†¬ęLa loro presenza qui – ha detto il dirigente scolastico Riccardo Blasco –¬†dimostra il loro attaccamento alla scuola, noi esprimiamo la nostra gratitudine per aver rappresentato¬†la nostra terra, la Sicilia.

olimpionici-al-liceo-Archimede_1¬†¬ęHo tanti ricordi di questo liceo – ha detto Daniele Garozzo -, soprattuto ricordo di aver studiato tanto. In bocca al lupo per l‚Äôinizio delle lezioni, di questo¬†nuovo anno accademico. In qualsiasi ambito √® necessario sacrificio ed impegno¬Ľ.

Quando il dirigente scolastico ha chiesto a Enrico Garozzo quale indirizzo tra scientifico e sportivo sceglierebbe se fosse tornato indietro nel tempo, lui non ha avuto dubbi: ¬ęScontato, sceglierei lo sportivo. Purtroppo quando sono arrivato io non c‚Äôera questo indirizzo. I¬†ricordi sono tanti bellissimi e difficili, ma fanno tutti parte della crescita¬Ľ.

olimpionici-al-liceo-Archimede_4

¬ęIo mi ricordo¬†tutti i prof, compresi quelli che ci sono ancora adesso, come la professoressa Pitt√≤ che mi rincuora con i suoi messaggi – ha aggiunto Marco Fichera -.¬†E‚Äô bello essere qui. Ai ragazzi vorrei dire che in questo momento √® facile pensare “non vedo l‚Äôora che¬†finisca”, “tra cinque anni andr√≤‚Ķ”, ma dopo il diploma ci si accorge che ci sono stati bei momenti, momenti¬†felici con i compagni che in seguito difficilmente si ritrovano¬Ľ.

E mentre il dirigente scolastico ha “confessato” la sua trepidazione per l’evento – ¬ęero emozionatissimo prima di incontrarli, ora capisco che sono semplici e che ci√≤ che hanno¬†ottenuto l’hanno raggiunto con grandi sacrifici. Il sacrificio lo si fa in vista di qualcosa¬Ľ – i ragazzi hanno cominciato a far piovere delle domande.¬†Immancabile la classica: “siete fidanzati?‚Äô‚Äô. Ed √® stato un scroscio di risate e applausi.

Sotto il grande applauso a fine incontro.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *