Un film può cambiarti la vita

4 Giugno 2016 | 0 commenti

di Cristiano Sardo

Vai a vedere un film,  per caso e senza molto convincimento, e poi scopri che ti cambia  la vita.

Parlo di  “The imitation game” girato nel  2014   da Morten Tyldum.

Racconta le vicende di un giovane, Alan Turing , con un’ adolescenza difficile, un genio matematico, tormentato e perseguitato, omosessuale  quando   l’omosessualità era un reato.

Alan  è un eccentrico solitario, con un grande ed unico amico che ama profondamente.  Quando  scoppia  la seconda guerra mondiale e l’Inghilterra, sua patria, entra  nel conflitto, Alan,  per le sue straordinarie competenze matematiche, viene  incaricato  dai servizi segreti britannici per decifrare la macchina “Enigma” che  cripta  i messaggi nazisti e li rende  indecifrabili.

Si mette subito all’opera: all’inizio  la sua squadra non lo appoggia  perché il suo progetto è incredibilmente  difficile e “straordinario”:  costruire una macchina capace di decifrare ogni singolo messaggio nazista. I suoi compagni avrebbero voluto limitarsi  a   decifrare un messaggio alla volta. Alan non si arrende, è deciso, non torna indietro,   e comincia  a costruire il primo computer della storia. Pian piano si conquista la fiducia dei suoi e  la genialità del suo progetto è sotto gli occhi di tutti, ma proprio per questo anche perseguitata.

Finalmente tutta la squadra lo supporta anche  moralmente, fino a quando, sfruttando un errore commesso dai nazisti, Alan trova  la chiave per far partire la macchina e quindi aver in pugno le sorti del conflitto mondiale. Grazie a lui  la guerra è stata più breve di ben tre anni  e  migliaia di vite  sono state risparmiate.

Ma il film lascia l’ amaro in bocca: persecuzioni, ostracismi, diffamazione distruggono un uomo straordinario; infine l’accusa di omosessualità lo fa condannare alla castrazione chimica che lo porta  alla morte  dopo pochi anni. Il film non  racconta la morte, ma le conquiste di una mente geniale, l’amicizia, l’amore, la persecuzione, il pregiudizio.

Questo film  ha  cambiato la mia vita  perché mi ha fatto riflettere sulla necessità di credere in se  stessi  e nei propri progetti,  fino alla fine, senza resa, senza cedimento e paure;  solo per questa via si possono   fare grandi cose. Non esagero se dico che la storia di Alan   ha forgiato il mio carattere facendomi credere che  investire nello studio sia necessario: non l’avevo mai vista così e  ora credo che solo lo studio può portarmi   a raggiungere traguardi  anche difficili. Non solo, è anche cambiata la mia “visione morale”  delle cose: come Alan , credo, ognuno deve contribuire a fare un po’ migliore questo mondo, senza paure.

Alan Turner  è  e rimarrà un esempio   e la sua storia è il mio esempio di vita spesa per un’idea bella e forte in cui credere. L’orientamento sessuale è altro  e, come la   storia di Alan insegna, chi non rispetta un uomo porta un danno   a tutta l’umanità. A proposito, grande l’interpretazione di   Benedict Cumberbatch.

Cristiano Sardo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *