Studenti Reporter On Air, Intervista all’assessore Barbara Mirabella e focus sulla Consulta giovanile del Comune

26 Novembre 2020 | 0 commenti

di Ilenia Gentile

Cultura, musica, arte, spazi per le attività culturali, ma anche educazione ai comportamenti civici da parte della popolazione. Abbiamo intervistato l’assessore alla Cultura del Comune di Catania, Barbara Mirabella sugli spazi, le attività culturali e i comportamenti da promuovere in città, a cominciare dai giovani. E poi, abbiamo ospitato in trasmissione la dottoressa Giiusy Balsamo, P.O. per le Politiche giovanili e responsabile per la Consulta giovanile del Comune di Catania, che ci ha illustrato come si sta provvedendo a rilanciare e ricostituire la Consulta e le attività che il Comune sta ripristinando nell’ambito delle Politiche giovanili.

«Credo che lo studio dell’educazione civica – ha detto l’assessore Mirabella – sia stato in passato un elemento fondante per formare nei cittadini una cultura del rispetto della cosa pubblica. Catania oggi non brilla in questo. dovremmo imparare tutti in maniera cosciente e anche autocritica a riparametrare i nostri comportamenti in direzione di comportamenti civici più appropriati. Serve un “patto” tra chi ha dovere di imbastire una rete di servizi e chi ne fruisce». Cultura vista con superficialità dai giovani? «Non credo sia così – ha detto l’assessore – perché la cultura è la passione per le tanti arti che ne fanno parte, da quelle classiche a quelle più nuove. Cultura è una parolona che a volte fa paura, ma che invece ognuno di voi accresce in se stesso giorno per giorno secondo le proprie inclinazioni. Non vedo questa superficialità, ma gli input credo vengano ricevuti da tutti i giovani, poi ognuno li rielaborare a modo suo».

Situazione di emergenza che ripercussioni ah avuto sul mondo della cultura? «Devastante – ci ha detto l’assessore – perché in Sicilia ci sono ben oltre 12 mila lavoratori dello spettacolo che non hanno avuto nessun ristoro, di fronte a teatri, cinema e musei chiusi».

Sulla Consulta Giovanile, la dottoressa Balsamo ha detto: «Abbiamo pubblicato un avviso pubblico e tutte le associazioni giovanili possono partecipare, il bando è aperto fino al 30 gennaio. Ogni associazione che chiede di partecipare ci indicherà un rappresentante e tutti i rappresentanti faranno parte della Consulta. l’obiettivo è essere a supporto per portare avanti interessi e opportunità culturali, lavorative, turistiche ai giovani. Stiamo anche ricreando l’Ufficio InformaGiovani». Ci sarà uno Sportello Giovani in via Leucatia, uno in centro a Palazzo Tezzano e uno Sportello itinerante nelle sedi dei Consigli di Quartiere per creare un punto di incontro con i giovani.


Studenti Reporter On Air è un progetto finanziato dalla Regione Siciliana e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale) grazie al “Fondo politiche giovanili” per azioni di orientamento e placement e di sostegno dei giovani talenti in ambito creativo e culturale.