Europa chiama, Istituto XX Settembre risponde

22 febbraio 2017 | 0 commenti

di Gianluca Reale

Europa chiama, istituto comprensivo “XX Settembre” risponde. La scuola catanese quest’anno partecipa, infatti, a ben due partenariati strategici tra scuole europee, nell’ambito del Progetto Erasmus Plus K2.

Il primo dei due progetti si intitola “Getting There On Your Own” (“Arrivaci da solo”), ha una durata biennale e sarà realizzato tra quest’anno scolastico e il prossimo. Partner stranieri del progetto sono la Pilton Bluecoat C of E Junior School- Barnstaple del Regno Unito (che è anche la scuola coordinatrice), la Ceip el Penascal di Segovia, in Spagna, la Sundsvalls kommun di Sunsvalls in Svezia e la Kuloisten koulu Raision kaupunki di Raisio, in Finlandia. Il secondo progetto a cui partecipa la XX Settembre è invece  “Engaging Young Entrepreneurs” (”Promuovere l’imprenditoria giovanile”): quest’ultimi avrà durata triennale a cominciare dall’ano scolastico in corso. I partner stranieri in questo caso sono la St. Brigid’s Primary School di Belfast, in Irlanda del Nord (scuola coordinatrice), la Ceip Victoria Díez di Hornachuelos in Spagna, la Szkola Podstawowa nr 2imswWojciecha di Krakow in Polonia, la Osnovna škola Glina di Glina in Croazia e la Grunnskólinn á Bakkafirði di Bakkafjörður in Islanda.

Foto di gruppo al meeting in Irlanda

Foto di gruppo al meeting in Irlanda

Un partenariato ampio e molto variegato, dunque, costruito anche grazie alla «prospettiva multiculturale, la rilevanza attribuita all’insegnamento della lingua Inglese e all’innovazione didattica, caratteristiche distintive del nostro Istituto», dice la dirigenza dell’istituto catanese.

Obiettivo delle due iniziative è accrescere l’alfabetizzazione degli studenti in lingua madre e in lingua straniera attraverso un approccio imprenditoriale all’istruzione; aprire le menti degli alunni del primo ciclo di istruzione allo sviluppo della competenza imprenditoriale, in un momento della loro vita nel quale sono maggiormente creativi e aperti a nuove opportunità e condividere tra docenti di nazioni diverse  buone pratiche didattiche e di cittadinanza europea.

Le attività hanno preso il via con l’avvio dell’anno scolastico. Nell’ambito del progetto Erasmus “ Getting there on your own” lo scorso ottobre (dal 17 al 21) si è svolto il primo incontro transnazionale di progetto, ospitato dalla scuola Pilton Bluecoat C of E Junior School di Barnstaple, nel Regno Unito. Durante l’incontro «abbiamo stabilito come inserire nel nostro programma di studi  il primo racconto “Il principe felice”, di Oscar Wilde proposto dalla scuola inglese. È stata una sessione ricca di spunti progettuali grazie al contributo attivo e propositivo di tutti gli insegnanti», raccontano i docenti della scuola catanese.

Assemblea di benvenuto alla Saint Brigid primary School

Assemblea di benvenuto alla Saint Brigid primary School

Per quanto riguarda il secondo progetto “ Engaging Young Entrepreneurs”, il primo incontro transnazionale si è tenuto a dicembre a Belfast, nella scuola St. Brigid: anche in questo caso sno state stabilite le prime attività finalizzate alla creazione e alla simulazione di un’impresa.

Due progetti che garantiscono un respiro europeo e internazionale all’istituto XX Settembre e hanno già coinvolto i docenti dell’istituto, che hanno già esperienza nel programma Comenius. Tutti convinti che queste esperienze rafforzeranno la dimensione europea della didattica e la percezione di essere cittadini d’Europa da parte degli alunni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *